Inshallah

Hailed upon its European publication as a masterpiece, Inshallah is Oriana Fallaci s great achievement, a twentieth century epic about the catastrophic civil war in Lebanon Writing in Italy s Il Giorno, Giancarlo Vigorelli has announced, One must make room for Fallaci next to Hemingway and Malraux For Whom the Bell Tolls and Man s Hope are to the Spanish Civil War whatHailed upon its European publication as a masterpiece, Inshallah is Oriana Fallaci s great achievement, a twentieth century epic about the catastrophic civil war in Lebanon Writing in Italy s Il Giorno, Giancarlo Vigorelli has announced, One must make room for Fallaci next to Hemingway and Malraux For Whom the Bell Tolls and Man s Hope are to the Spanish Civil War what Inshallah is to the dirty genocide of Lebanon In France, Le Figaro has praised Inshallah s Goya like depictions of the disasters of war, and Le Nouvel Observateur has called it The Iliad in Beirut At the center of this teeming, extraordinary novel is the divided city of Beirut, besieged and battered by foreign armies, rival Lebanese factions, and fundamentalist terrorists In the opening pages we witness the devastating suicide bombing of the American and French marine barracks in 1983, and in its aftermath we meet the large and colorful cast of soldiers in the Italian contingent of the trilateral peacekeeping force, as well as the women of Beirut and the residents whose lives are caught up in the conflict The loves and hates, hopes and anxieties, heroic actions and cowardly betrayals, reflect the horror and madness of this brutal, never ending nightmare Inshallah is a war novel about destiny, a study of love in all its aspects It is engrossing, dramatic, funny, and always intensely readable Only Oriana Fallaci, with her unique breadth of experience and masterful command of language and image, could have written such a profound novel, one filled with compassion for men and women, a work that will long stand as a monumental testament to the imperishable human spirit.
Inshallah Hailed upon its European publication as a masterpiece Inshallah is Oriana Fallaci s great achievement a twentieth century epic about the catastrophic civil war in Lebanon Writing in Italy s Il Giorn

  • Title: Inshallah
  • Author: Oriana Fallaci Francisco Vila
  • ISBN: 9789500410526
  • Page: 428
  • Format: Paperback
    • Unlimited [Comics Book] ☆ Inshallah - by Oriana Fallaci Francisco Vila ✓
      428 Oriana Fallaci Francisco Vila
    • thumbnail Title: Unlimited [Comics Book] ☆ Inshallah - by Oriana Fallaci Francisco Vila ✓
      Posted by:Oriana Fallaci Francisco Vila
      Published :2018-06-16T17:50:59+00:00

    About the Author

    Oriana Fallaci Francisco Vila

    Fallaci was born in Florence, Italy During World War II, she joined the resistance despite her youth, in the democratic armed group Giustizia e Libert Her father Edoardo Fallaci, a cabinet maker in Florence, was a political activist struggling to put an end to the dictatorship of Italian fascist leader Benito Mussolini It was during this period that Fallaci was first exposed to the atrocities of war.Fallaci began her journalistic career in her teens, becoming a special correspondent for the Italian paper Il mattino dell Italia centrale in 1946 Since 1967 she worked as a war correspondent, in Vietnam, for the Indo Pakistani War, in the Middle East and in South America For many years, Fallaci was a special correspondent for the political magazine L Europeo and wrote for a number of leading newspapers and Epoca magazine During the 1968 Tlatelolco massacre prior to the 1968 Summer Olympics, Fallaci was shot three times, dragged down stairs by her hair, and left for dead by Mexican forces According to The New Yorker, her former support of the student activists devolved into a dislike of Mexicans The demonstrations by immigrants in the United States these past few months disgust her, especially when protesters displayed the Mexican flag I don t love the Mexicans, Fallaci said, invoking her nasty treatment at the hands of Mexican police in 1968 If you hold a gun and say, Choose who is worse between the Muslims and the Mexicans, I have a moment of hesitation Then I choose the Muslims, because they have broken my balls In the late 1970s, she had an affair with the subject of one of her interviews, Alexandros Panagoulis, who had been a solitary figure in the Greek resistance against the 1967 dictatorship, having been captured, heavily tortured and imprisoned for his unsuccessful assassination attempt against dictator and ex Colonel Georgios Papadopoulos Panagoulis died in 1976, under controversial circumstances, in a road accident Fallaci maintained that Panagoulis was assassinated by remnants of the Greek military junta and her book Un Uomo A Man was inspired by the life of Panagoulis.During her 1972 interview with Henry Kissinger, Kissinger agreed that the Vietnam War was a useless war and compared himself to the cowboy who leads the wagon train by riding ahead alone on his horse.Kissinger later wrote that it was the single most disastrous conversation I have ever had with any member of the press She has written several novels uncomfortably close to raw reality which have been bestsellers in Italy and widely translated Fallaci, a fully emancipated and successful woman in the man s world of international political and battlefront journalism, has antagonized many feminists by her outright individualism, her championship of motherhood, and her idolization of heroic manhood In journalism, her critics have felt that she has outraged the conventions of interviewing and reporting As a novelist, she shatters the invisible diaphragm of literariness, and is accused of betraying, or simply failing literature Fallaci has twice received the St Vincent Prize for journalism, as well as the Bancarella Prize 1971 for Nothing, and So Be It Viareggio Prize 1979 , for Un uomo Romanzo and Prix Antibes, 1993, for Inshallah She received a D.Litt from Columbia College Chicago She has lectured at the University of Chicago, Yale University, Harvard University, and Columbia University citation needed Fallaci s writings have been translated into 21 languages including English, Spanish, French, Dutch, German, Greek, Swedish, Polish, Croatian and Slovenian.Fallaci was a life long heavy smoker She died on September 15, 2006 in her native Florence from breast cancer.

    160 Comment

    • Anastasia said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      4.5/5'sta storia del 4.5 è una buffonata.Cioè, io stavo riflettendo sulla possibilità di dargli il massimo, però.rò non ero convinta, capite? Gli do 4 o gli do 5, gli do 4 o gli do 5, gli do 4 o gli do 5 gli do 4 o gli do 5 EH PROPRIO NON LO SO. Allora ho deciso di farla facile, di adottare il compromesso del mezzo voto. Dai, è più di un quattro, ma non è del tutto un cinque, e allora è un 4.5! In realtà non mi sarei fatta tanti problemi nel togliergli quel mezzo punto, sto dalla parte [...]

    • Lisachan said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Leggere questo libro è stata una pena; avevo sperato che lo fosse per la pesantezza dell'argomento, e invece è stato solo perché è scritto malissimo. Sono quasi ottocento pagine e non mento né esagero se dico che il volume così enorme dipende solo ed esclusivamente dalle seguenti caratteristiche:1) Le ripetizioni infinite; credo che tutte, TUTTE le frasi pronunciate almeno una volta in questo romanzo siano poi state ripetute in un numero variabile da due a cinque volte. In ogni pagina ci s [...]

    • Guenda Ferri said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Quest’estate ho fatto un viaggio in Giordania. A portarci da un villaggio all’altro, a spiegarci la storia e la cultura di questo bellissimo Paese, c’era una guida che, nonostante parlasse un italiano impeccabile, ogni dieci frasi ripeteva il termine “Insciallah”: - Dopo un viaggio in autobus, insciallah, arriveremo a Petra – e così via. Conoscevo già il titolo del libro della Fallaci, pur non conoscendone il significato – pensavo anzi che si leggesse ‘Insciallà’, mentre la [...]

    • Arwen56 said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Cosa io pensi della signora Fallaci, l’ho già ampiamente espresso nel corso del mio commento a Niente e così sia. Di conseguenza, mi soffermerò brevemente solo su questo romanzo. Una narrazione forte, intensa, decisa e piena di passione, come era lei. Un ampissimo mosaico di personaggi in una Beirut che è una babele di lingue e dialetti, un complicato intreccio di vite, speranze, aspettative, paure e delusioni, condotto con maestria unica sino al suo inesorabile finale. Scritto in un itali [...]

    • Simone Scardapane said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Sono fermamente convinto che in questo romanzo ci sia tutta l'umanità. Ogni personalità, ogni tratto di carattere, ogni ambizione, ogni desiderio: e non un solo personaggio è noioso, stancante, di troppo. Un romanzo su chi fa la guerra, su chi la subisce, e su chi la fa e la subisce insieme; e sulle piccole guerre che ognuno di noi affronta quotidianamente: la guerra per diventare uomini e quella per restare bambini; la guerra per trovare il proprio posto nel mondo e quella per fuggirne; la g [...]

    • Elizabeth said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      "Questo romanzo vuole essere un atto d'amore per loro e per la Vita." questo libro DEVE essere letto, non sono in grado di scrivere una recensione decente in quanto finirei con lo sminuire la bellezza di questo capolavoro, di questa piccola Iliade moderna, la formula della Vita. "eppure mi hai dato più di quanto potesse darmi una persona che esiste. che la solitudine sia l'unica compagnia che abbiamo per non sentirci soli? che la vera realtà sia la fantasia? che nascere e vivere e morire sia u [...]

    • Rick said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      “Inshallah” by Oriana Fallaci just didn’t do it for me. I had previously read and enjoyed her “A Man” and thought this offering might also be of interest but it just didn’t fire. Inshallah is set in Beirut, Lebanon in 1983 during the Lebanese Civil War. The tale begins with a brief on the terrorist bombing and destruction of the U.S. Marine barracks and the French mission which resulted in the deaths of over 300 of the international peacekeeping force. Since it was a multinational pe [...]

    • Anne said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      This book is one of my absolute favourites - describing the war in Beirut, Lebanon, none knowing who is really the enemy; only one is known exactly: the war itself.A fantastic book, but a long story and if I wanted to understand it REALLY, I would have to read it once again. And I will.

    • louisa said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      My favorite book when I was 16. A modern day Iliad set in Beirut.

    • Barbara Bagatin said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Avevo una copia.Una millantatrice. Una ignorante che ha reso la massa italiana ancora più provinciale di quelllo che era già. Un caso da studiare, Fallaci: come si possa avere il talento del sapere scrivere, utilizzandolo per turpi scopi. Per questo la scienza è in crisi: si ostina a studiare il cervello degli animali, quando invece dovrebbe vivisezionare quello di certi non- umani. La copia che avevo ho cercato perfino di regalarla ad un libraio di remainders di Venezia: niente da fare: "No, [...]

    • Sergio said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Un libro bellissimo, commovente! un libro che parla di una città, Beirut nel Libano, accecata dalla guerra fratricida, di un popolo, in parte cristiano e in parte mussulmano, dimentico dell'amore, della pietà, della solidarietà umana; nel contesto di questa città che "scompare" sotto un incessante, assurdo bombardamento, si muovono i protagonisti del romanzo: il distaccamento militare italiano con i suoi numerosi eroi carichi di umanità, la popolazione inerme di Beirut e le combriccole di v [...]

    • Malacorda said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Della Fallaci ho letto poco, quindi non so da dove mi deriva quest'impressione che Insciallah debba essere la sua 'opera massima'. Forse per via di tutto il microcosmo di personaggi che la compone e le cui vite si intrecciano, con una guerra di una crudeltà inaudita a fare da sfondo. Forse anche perché induce a tante e profonde riflessioni.

    • Sharif Cavallaro said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Touchy 1000 pages, and still you feel so empty , you already miss this book when reading the last word of the last page. Invented story based on real war, in Lebanon. This is my overall favourite book

    • Maria Beltrami said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      L'unico libro della Fallaci che mi sia veramente piaciuto, al punto di farmela ritenere migliore di quello che era.

    • Alessandro Bertorello said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Uno dei libri più importanti della mia vita. Lacerante.

    • Irene Paoluzzi said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Se ci fosse qualche stellina in più da mettere lo farei volentieri. Profondo. Vero. Stupendo.

    • Wolfe Tone said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Such a shame Fallaci has turned from a left-winged partisan and great interviewer into a right-winged conservative bigot. It really smudges her earlier élan.

    • Cristina said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Letto e amato moltissimo durante la mia adolescenza (del resto la Fallaci è stato forse il mio amore letterario più grande in quegli anni), riletto ora con la maturità di un’adulta e amato ancora di più. #capolavoro #mustread #meraviglioso #poeticocomelaguerra#lovemykindle

    • Sophie Sinato said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Inshallah dipinge gli orrori della guerra in Libano, guerra civile che distrugge Beirut dall'interno. Un capolavoro di realismo, la Fallaci si addentra nei dettagli nudi e crudi; è stato paragonato a un quadro di Goya, addirittura.A me piace molto la Fallaci, sia per lo stile diretto ma mai banale, sia per i temi che affronta e il modo in cui lo fa: lei si addentra nelle cose, ci va a fondo, dritta per la sua strada. Ma l'aspetto che ho apprezzato di più in questo libro è stata la presenza di [...]

    • SirJo said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      A me questo libro è piaciuto immensamente. Dopo aver letto questo libro non posso più concepire che ci sia il concetto di guerra giusta. Inoltre è scritto molto bene ed è assolutamente coinvolgente, ti sembra di esserne il protagonista. Purtroppo i giudizi sui libri della Fallaci rispondono troppo a logiche ideologiche, a posizioni preconcette. Questo libro l'ho letto ben prima delle torri gemelli quando nessuno dubitava delle capacità narrative della Fallaci, e mi dispiace vedere poi tutto [...]

    • Kia76 said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      "Quanto gli mancava la matematica, quanto la rimpiangeva! Massaggia le meningi come un allenatore massaggia i muscoli di un atleta, la matematica. Le irrora di pensiero puro, le lava dei sentimenti che corrompono l'intelligenza, le porta in serre dove crescono fiori stupendi. I fiori di un'astrazione composta di concretezza, di una fantasia composta di realtà[] No, non è vero che sia una scienza rigida, la matematica, una dottrina severa. E' un'arte seducente, estrosa, una maga che può compie [...]

    • Adriana Botero said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Inshallah significa destino. Traduce algo así como “lo que Dios quiera” e indica la imposibilidad de liberarse del destino trazado. Este libro habla sobre el destino de un contingente de soldados italianos que están en Beirut durante la guerra del Líbano. Sin embargo no es un libro bien escrito. Le sobra páginas y personajes, y la escritora parece construir la trama a partir de un fórmula que consiste en narrar un hecho y describir la historia de su protagonista (lleno de clishes) luego [...]

    • Paweł Fiszer said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Powieść, której akcja rozgrywa się w Bejrucie, w strefie kontrolowanej przez włoskie siły pokojowe. Świetnie scharakteryzowani główni bohaterowie, rozbudowana, wielowątkowa fabuła, umiejętne oddanie napięcia i rzadko spotykany talent do inteligentnie przeprowadzonej refleksji - oto co czyni tę lekturę godną polecenia. Ponieważ to mój pierwszy raz z Falacci, nie wiem, czy to już szczyt jej twórczych możliwości, ale jestem pewien, że to świetna powieść. To nie ostatni raz [...]

    • Luigi said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      I sette pilastri del LibanoAffascinante sotto alcuni aspetti, il libro della Fallaci risente delle stesse pecche dell'opera di Lawrence (spesso citata). La storia romanzata della spedizione italiana in Libano è interessante, ma l'autrice eccede in digressioni o moraleggianti (con l'equazione dell'entropia di Boltzmann che regna sovrana) o che creano artifici letterari, come uno degli ufficiali che sta scrivendo il libro che si sta leggendo e che ne racconta lo sviluppo a una moglie dichiarata i [...]

    • Alexandra Ríos said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Me ha tomado buen tiempo leerlo y no porque sea un mal libro o porque no me atrape. Por el contrario, a menudo tenía que parar para recordarme que no estaba en Beirut, que esa guerra no me iba a afectar. Tenía que respirar hondo y ver como cada personaje aceptaba su destino o se le imponía, como a todos los afectaba la fórmula de la vida, o de la muerte que según el libro en cierto momento se vuelven una misma cosa: algo irrevocable, irremediable, un inquebrantable destino ante el cual solo [...]

    • Joumana said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      OMG this book could have a 5 stars if it wasn't the writing style! The story is really interesting and shows the Lebanese civil war from a foreign yet involved point of view. I really tried to stick to it and forget about the weird writing redundancy: endless repetitions, entire paragraphs being rephrased over and over. same event written from different point of view in similar phrasing. it was really painful to follow the story and this huge book took me forever to finish.

    • AliceTundo said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      "Ti volto le spalle e ti auguro di trovare la formula che cerchi. La formula della Vita. Esiste, caro, esiste. Io la conosco. E non sta in un termine matematico, non è una sigla o una ricetta da laboratorio: è una parola. Una semplice parola che qui si pronuncia ad ogni pretesto. Non promette nulla, t'avverto. In compenso spiega tutto ed aiuta."

    • *artemide* said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      «Cara, per raccontare gli uomini, questi bizzarri animali che fanno ridere e piangere assieme, bastano due sentimenti che in fondo sono due ragionamenti: la pietà e l’ironia. In parole diverse, basta avere il sorriso sulle labbra e le lacrime agli occhi.» (Atto primo, Lettera del Professore alla moglie)

    • Procyon Lotor said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      Recensione disponibile su richiesta. Colonna sonora: E.C. 24 nights 2cd, Lee Scratch Perry - Arkology 3 cd, Miles Davis Bitches Brew - legacy edition 2cd Ah, quattro stelle vogliono dire cinque con alcune parti da due. Come le decorazioni di zucchero vetrificato in certe torte, si possono gettare senza alcun timore.

    • Kitty Red-Eye said:
      Sep 25, 2018 - 17:50 PM

      I can't kick the feeling that this would be better with more varied POVs. A very dedicated author, again with this Kalashnikov of words, but I can't quite get into it and find it difficult to really care. When it's good it's good. But then I suddenly find myself bored for a while, lose interest and forget who's who. All in all of mixed quality.

    Leave a Reply